I casinò online ignoravano i miei evidenti segni di dipendenza

La donna che ha perso 125.000 sterline su LeoVegas e Casumo dice che le hanno offerto dei bonus per continuare a scommettere. Una giocatrice problematica che ha perso 125.000 sterline con i casinò online li ha accusati di ignorare i segni evidenti della sua dipendenza, offrendole invece dei bonus per continuare a scommettere. Katie, 42 anni, ex contabile di successo, ha ricevuto un trattamento di dipendenza dopo aver accumulato debiti su nove carte di credito. Le sue perdite includono una di 54.000 sterline in una baldoria notturna in cui le è stato permesso di piazzare scommesse per più di 380.000 sterline su un sito web in una sola sessione.

I dettagli del suo caso, che si pensa saranno oggetto di un’inchiesta da parte della Gambling Commission, sono emersi mentre si chiede una regolamentazione più severa del gioco d’azzardo online e una revisione dell’opportunità di permettere le scommesse a credito.

Prove dettagliate viste dal Guardian indicano che Katie ha costantemente mostrato comportamenti che, secondo la commissione, dovrebbero allertare le compagnie di scommesse sui problemi di gioco. Questi includono il fare dozzine di depositi falliti – dove le sue banche si rifiutavano di lasciarle piazzare le scommesse – e l’annullare il ritiro delle vincite all’ultimo minuto per reinvestire i soldi nei giochi del casinò.

In ogni caso, è stata fatta diventare una cliente VIP senza essere sottoposta a controlli di accessibilità, ed è stata ricoperta di “giri gratis”.

Casumo le ha offerto biglietti gratuiti per eventi alla Wembley Arena, anche mentre lei giocava via i proventi del suo lavoro di contabile di alto livello.

Secondo le comunicazioni interne tra lo staff di Casumo, un dipendente l’ha chiamata “coglione” dopo che lei si è lamentata che l’azienda non era intervenuta prima.

Katie ha raccontato il suo caso a My Name Is…, una serie di documentari della BBC Radio 4 che segue qualcuno al centro di una storia di attualità.

I registri delle scommesse mostrano che Katie, non il suo vero nome, ha iniziato a giocare con Casumo nel giugno 2017, per lo più piazzando scommesse di circa 100 sterline. Il 9 ottobre 2017, ha fatto decine di scommesse fino a 5.000 sterline per tutta la notte, ricevendo tre offerte di bonus anche se ha perso il controllo.

I registri di Casumo mostrano che l’azienda ha notato il suo insolito comportamento nelle scommesse solo quasi 11 ore dopo l’inizio della baldoria, inviandole un’e-mail di richiesta. Ha giocato altre 7.000 sterline e Casumo non ha bloccato il suo conto fino a metà pomeriggio, dopo che lei ha inviato un’e-mail a un rappresentante dei clienti dicendo che si sentiva “suicida”.

In una successiva e-mail a Katie, la società ha detto: “Hai ragione a sottolineare che c’erano una serie di fattori che avrebbero potuto essere considerati come bandiere rosse del gioco d’azzardo problematico. Tuttavia, guardiamo il conto in modo olistico e nel contesto del cliente in questione”.

Più tardi quell’anno, Katie ha perso di nuovo il controllo, questa volta con LeoVegas, un’azienda svedese che ha stabilito un punto d’appoggio nel mercato dei casinò online del Regno Unito ed è uno sponsor di maglia per le squadre di calcio Norwich City e Brentford.

L’azienda le ha dato lo status di VIP e le ha permesso di continuare a scommettere usando più carte di credito, nonostante 291 tentativi di deposito falliti e la cancellazione di prelievi per un valore di 27.550 sterline.

Tra il 12 e il 13 dicembre 2017, ha piazzato 382.844 sterline di scommesse in una sessione non-stop di 24 ore, perdendo 53.985 sterline su un gioco di slot machine.

Il 3 gennaio 2018, momento in cui aveva piazzato più di 1 milione di sterline di scommesse e perso 94.049 sterline, un dipendente le ha inviato una e-mail per dire: “Spero che tu abbia avuto un bel Natale e un grande inizio del nuovo anno!

“Volevo solo mandarti un messaggio veloce per farti sapere che ho aggiunto uno speciale bonus fedeltà di 800 sterline al tuo conto, con un requisito di scommessa di solo 1 volta. Ti auguro una splendida giornata!”

Katie ha detto che LeoVegas non ha riconosciuto alcuna mancanza nei suoi controlli sul gioco d’azzardo problematico, ma ha pagato 34.000 sterline per la sua riabilitazione come “gesto di buona volontà”.

Ha detto di essere rimasta sbalordita da come le compagnie non abbiano notato i segnali di avvertimento della dipendenza, inclusa un’escalation nella scala e nella frequenza delle sue scommesse, così come l’uso di più carte di credito, i suoi depositi falliti e i prelievi cancellati.

“Hanno degli algoritmi per cui se stai spendendo molto ti fanno diventare un VIP, o ti mandano una mail di bonus e lo usano a loro vantaggio. Potrebbero anche usarlo per prevenire il gioco d’azzardo problematico, che è quello che la commissione dice che dovrebbero fare”, ha detto.

La commissione ha detto che non può commentare i casi individuali.

Sia LeoVegas che Casumo hanno già affrontato sanzioni regolamentari per non aver protetto i giocatori problematici.

Il Guardian questo mese ha rivelato nuove affermazioni che LeoVegas ha accettato 20.000 sterline da un giocatore problematico che aveva rubato i soldi a sua madre, e poi lo ha bombardato con offerte promozionali.

LeoVegas ha detto di non poter commentare il caso di Katie, ma ha detto che “prende molto sul serio il gioco sicuro, e segue politiche e procedure rigorose per assicurare il rispetto dei nostri obblighi legali e delle condizioni della nostra licenza”.

Casumo ha detto di non poter commentare il caso di Katie, ma ha insistito che alcuni dettagli erano “errati”.

My Name Is Katie è stato trasmesso alle 20:00 su BBC Radio 4, e sarà di nuovo disponibile all’ascolto sull’app BBC Sounds.
… visto che lei si unisce a noi oggi dalla Russia, abbiamo un piccolo favore da chiederle. In questi tempi difficili, milioni di persone si affidano al Guardian per un giornalismo indipendente che rappresenta la verità e l’integrità. I lettori di 180 paesi hanno scelto di sostenerci finanziariamente più di 1,5 milioni di volte nel 2020.

“Voglio ringraziarvi per tutte le volte che mi avete tenuto sano di mente. In un mondo sempre più polarizzato e più estremo, il Guardian è stato un rassicurante faro di sanità mentale. Un appello alla calma. Un adulto in una stanza piena di bambini urlanti. Un po’ di gentilezza”. – Ram Jeyaratnam, Singapore

Con il vostro aiuto, continueremo a fornire notizie di grande impatto che possano contrastare la disinformazione e offrire una fonte di notizie autorevole e affidabile per tutti. Senza azionisti o proprietari miliardari, stabiliamo la nostra agenda e forniamo un giornalismo libero da influenze commerciali e politiche. Quando non è mai stato così importante, possiamo indagare e sfidare senza paura o favore.

A differenza di molti altri, abbiamo mantenuto la nostra scelta: mantenere il giornalismo del Guardian aperto a tutti i lettori, indipendentemente da dove vivono o da quanto possono permettersi di pagare. Lo facciamo perché crediamo nell’uguaglianza dell’informazione, dove tutti meritano di leggere notizie accurate e analisi ponderate. Un numero sempre maggiore di persone è ben informato sugli eventi mondiali e viene ispirato a intraprendere azioni significative.

Il nostro obiettivo è quello di offrire ai lettori una prospettiva completa e internazionale sugli eventi critici che modellano il nostro mondo – dal movimento Black Lives Matter, alla nuova amministrazione americana, alla Brexit, e alla lenta emergenza mondiale da una pandemia globale. Ci siamo impegnati a mantenere la nostra reputazione per un reportage urgente e potente sull’emergenza climatica, e abbiamo preso la decisione di rifiutare la pubblicità delle compagnie di combustibili fossili, disinvestire dalle industrie del petrolio e del gas, e impostare un percorso per raggiungere emissioni nette zero entro il 2030.

Se c’è mai stato un momento per unirsi a noi, è ora. Ogni contributo, grande o piccolo che sia, alimenta il nostro giornalismo e sostiene il nostro futuro. Sostieni il Guardian a partire da 1 dollaro – ci vuole solo un minuto. Se puoi, per favore considera di sostenerci con un importo regolare ogni mese. Grazie.

I casinò online ignoravano i miei evidenti segni di dipendenzaultima modifica: 2021-05-25T18:34:53+02:00da spusateri
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento